aroma

Categoria: Tabacco
Mittente: admin

aroma

Caratteristica del fumo di tabacco, percepita dall'olfatto durante la combustione e causata dalle sostanze volatili presenti nel tabacco o nei composti chimici usati per aromatizzarlo.
Si distingue dal profumo che è l'odore che si percepisce quando il tabacco è spento e che spesso lo rende accattivante ai profani falsando un giudizio reale sul tabacco che si giudica solo in base all'aroma che è la contropartita del gusto. Infatti molte caratteristiche dell'aroma corrispondono a quelle del gusto.
Non sempre il profumo corrisponde all'aroma e spesso tabacchi non profumati si rivelano molto aromatici e viceversa. Questo probabilmente perché le sostanze che determinano il profumo non sono le stesse di quelle che determinano l'aroma o si comportano in maniera diversa quando il tabacco è acceso.

L'aroma può essere definito in maniere diverse:

pieno: quando un intervallo di gusto è investito in maniera decisa;

ampio: quando l'intervallo investito è largo;

leggero: quando è scarso ma non per questo indeciso;

aggressivo: quando aggredisce i sensi;

fresco: ne è il contrario;

pregnante: quando tende a saturare i sensi;

pulito: quando ha caratteristiche decise e ben definite;

fragrante: quando stuzzica i sensi senza saturare;

rotondo (o armonico): quando i componenti del tabacco si fondono gradevolmente e non si avverte separazione fra gusto e corpo;

ruvido (o spigoloso): ne è il contrario;

liquoroso: quando richiama quella scorrevolezza tipica
dei vini del Sud o dei liquori a bassa gradazione;

robusto: quando alla caratteristica "pieno"
si accompagni una forza "full".

Inviato il:  Sun, 22-May-2005, 12:58