Iscriviti su FLP! »

Gadget-FLP


Contattaci

Webmaster
 
admin

Soci online

Dettaglio degli utenti online Iscritti: 0
Visitatori: 24

il Forum di FLP

Indice »  Pressati di virginia
Re: S.G. Brown n.4
n° 201
hal
29/3/2010
Ferrara
Visualizza il profilo di hal Invia un messaggio privato a hal
27-2-2015
18:04
@Alessio

Attento a dare dello stolto che queste sono pagine pubbliche e che il signore

in questione ci legge e dobbiamo ringraziarlo che se non ci fosse lui avremmo poche prelibatezze da fumare in Italia,ci piaccia o meno,fare impresa non è facile di questi tempi.
Fumatevi quello che vi piace in quella che vi piace.
Re: S.G. Brown n.4
n° 202
Alessio248
4/1/2015
Visualizza il profilo di Alessio248 Invia un messaggio privato a Alessio248
27-2-2015
18:31
bhe stolto non come persona si intende ma non capisco con quale criterio decida che alcuni tabacchi possano essere importati oppure no. il tabacco è tabacco cambiano le case produttrici e le lavorazioni quindi perche ad esempio non posso comprare nella tabaccheria dietro langolo tabacchi come il cornell & dihel o mcclelland. cosa hanno di diverso che non posso essere importati? hanno paura di guadagnare piu soldi? non capisco sinceramente, mi perdoni.
"Dimmi quello che nessun filosofo mi sa dire: a chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell'universo?"
Re: S.G. Brown n.4
n° 203
NCH
11/1/2012
MEDIOLANUM
Visualizza il profilo di NCH Invia un messaggio privato a NCH
27-2-2015
21:27
Citazione:

Alessio248 ha scritto:
che poi vorrei vivamente incotrare lo stolto che decide cosa importare e cosa no e per quale motivo. mi ci fare una bella chiacchierata

Innanzitutto lo stolto stolto non è, anzi è uno che sa fare bene i propri conti.
Il tabacco in questione è di ultranicchia e se ne è sempre venduto poco, inoltre è aumentato il prezzo alla fonte, quindi si è preferito depennarlo piuttosto che aumentarlo di qualche euro.
La quadrimurti dei tabacchi americani più noti, se importati, tenendo conto delle maggiori tasse dell'importazione extra UE verrebbero a costare circa 35 euro, quanti ne venderebbero? In particolare Pease ha detto chiaramente che non ha interesse ad esportare nel nostro paese per la troppa burocrazia e del resto non mancano solo da noi.
Because something is happening here
But you don't know what it is
Do you, Mister Jones ?
Bob Dylan
Re: S.G. Brown n.4
n° 204
Alessio248
4/1/2015
Visualizza il profilo di Alessio248 Invia un messaggio privato a Alessio248
27-2-2015
21:58
allora lo stolto va diretto al nostro stato (a cui mi sono sempre riferito anche se con dei dubbi) e non al signor pipe e cigars di cui non conoscevo lesistenza prima. non volevo offendere nessuno anche perche non credevo esistesse effettivamente una persona che dirigeva il commercio in italia (ho sempre pensato fosse lo stato che dicesse cosa poteva essere importato o no come un re seduto sul suo trono e con cattiveria agita il dito verso le cose da lui non gradite...che stupido). daltronde non me ne intendo di leggi di mercato.
"Dimmi quello che nessun filosofo mi sa dire: a chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell'universo?"
Re: S.G. Brown n.4
n° 205
extravecio
18/5/2008
Roma
Visualizza il profilo di extravecio Invia un messaggio privato a extravecio
28-2-2015
2:06
Caro Alessio,

Non disperare, poiché oggi viene importato
il Gawith Lakeland Dark
che non è un differente sostituto del Brown4, bensì Brown4 autentico ed originale ma in ready rubbed (o affettato e dipanato, come ha detto Tobaldo nel 3d che mi sono permesso di indicarti).

Per il resto, ti hanno già esposto le cose gli altri Soci e c'è ben poco da aggiungere.
La scelta è stata azzeccata per almeno tre motivi validissimi.
Il primo: lo Stato Italiano imporrebbe accise ancora più alte sui tabacchi importati in treccia integra.
Il secondo: si offre la opportunità di dare lo stesso identico prodotto già pronto per essere caricato, evitandoti quindi lincomodo di tagliarti da te le rondelle e pensarci da solo (azione che comunque diverte molti fumatori). Con lulteriore vantaggio di pagarlo di meno, sempre a prezzi alti per via del nostro fisco ma meno di prima sotto forma di stronso de can.
Il terzo: grazie a tutti questi fattori, si incoraggia il consumo di quel tabacco con la new entry relativa, anche a coloro che erano e sono restii alle trecce intere.... proprio perché il tutto è più comodo e pratico.

Alla luce di tutto ciò, si è deciso a ragione di non importarlo più sotto forma di treccia.
Pratica senza studio non farà mai il Mastro.
Studio senza pratica non farà mai il Dotto.
Re: S.G. Brown n.4
n° 206
Alessio248
4/1/2015
Visualizza il profilo di Alessio248 Invia un messaggio privato a Alessio248
28-2-2015
2:52
molti che lo fumano hanno detto il contraio. è un buon tabacco ma non ha nulla a che vedere con il B4. girano voci che sia come il B4 ma ready rubbed ma non è cosi. naturalmente parlo con la lingua degli altri dato che non lho provato, ma piu persone hanno affermato questo rispetto a chi dice il contrario. lunico modo per sapere è provarlo. sarà moto buono ma non come il B4. affermi che lo paghiamo di piu perche è intrecciato? e se era un roll cake dovevamo aprire un muto? non ci credo che i 3 euro in piu era perche sottoforma di trecce. dai sulserio...ditemi che è uno scherzo... ho visto come fanno le trecce trovo che sia piu complicato un flake perche devi pressaro e tagliaro. ma una treccia si fa in 30 secondi. poi con i macchinari che usano. o sono troppo ingenuo io o non capisco una mazza di mercato...notte ragazzi.
"Dimmi quello che nessun filosofo mi sa dire: a chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell'universo?"
Re: S.G. Brown n.4
n° 207
extravecio
18/5/2008
Roma
Visualizza il profilo di extravecio Invia un messaggio privato a extravecio
28-2-2015
7:21
Citazione:

Alessio248 ha scritto:
.... ma una treccia si fa in 30 secondi...

Evviva lallegria!
Una cosa è vederlo in un filmatino parziale, un'altra è farlo standoci dentro.
Non basta nemmeno una visitina sporadica da esterno in una manifattura!
Premesso che in trenta secondi ci si può al limite allacciare le scarpe, la treccia richiede molto più tempo di quanto credi, anche si trattasse di una corta e piccola fatta a mano... ma visto che di solito le fanno roba di metri per poi tagliarle....
Bisogna preparare le foglie, per il verso giusto e poi non basta torcerla ed avvolgerla: va anch'essa compressa! Spesso richiede trattamento a calore, di intensità e tempo variabili a seconda del risultato che si deve o vuole raggiungere, ed un certo periodo di riposo e di controlli dellumidità e quant'altro: prima, durante e dopo....insomma di tempo ne passa sai quanto?
E tralasciamo tutte le fasi di cura preliminari delle foglie (che vale per tutto, treccia compresa) sennò facciamo notte, ed ora sono le sette di mattina.

Ad ogni modo, tutto ciò non c'entra nulla: le accise variano per motivi che esulano da eventuali difficoltà tra un manufatto e laltro.... e molti di questi tutti da chiarire, che io sappia!
Fino a prova contraria, lo stesso importatore ha dichiarato di non aver aggiunto nel listino il De Luxe Navy Rolls di Dunhill e di essersi limitato allaltrettanto buono Elizabethan, proprio perché sui rondellati le imposte sono maggiori.
Non credo abbia mentito.

Così come penso sia ora di credere anche a Gawith, piuttosto che a vari catastrofisti cronici sparsi nei siti mondiali che hanno sempre da ridire su tutto a sproposito, e di cui spesso si leggono panzane assurde, disinformando soltanto.... addirittura denigrando anche merce migliorata rispetto a prima.
Così come è ora di credere ancor meno agli osanna dei miracolisti!!
Così come è ancor più ora di acquistare e provare indipendentemente dal giudizio altrui, fosse anche del tizio più esperto ed attendibile del mondo!

Poi, lo hai già detto anche tu, il prodotto bisogna appunto provarlo; ognuno però deve farsene un'idea autonoma senza condizionamenti, buoni o cattivi che siano.
Io non lho fumato ancora, pur apprezzando il genere, e francamente non ho né fretta né timore di essere rimasto eventualmente orfano di alcunché.
So solamente che alcuni che ne capiscono e che amano il genere Brown4, del Lakeland Dark né si lamentano, né lo trovano assai diverso; qualche altro dice addirittura che è meglio ancora.

....Io personalmente ascolto e leggo chiunque, ma poi faccio di testa mia e ragiono con quella, ed aggiungo che paragonare tra loro anche due latte di uno stesso prodotto, ma ogni latta appartenente a lotti diversi, lascia solo il tempo che trova.
L'una e laltra possono avere differenze, e non necessariamente in meglio o in peggio: sono più o meno differenti e basta.
Il Lakeland è commercializzato come Brown4 tagliato e sfaldato, ma ad ogni modo avrò ulteriormente conferma o smentita in quanto ho scritto a Gawith.
Presto avrò notizie e le comunicherò immediatamente dopo.... dopodiché non gli rompiamo più le scatole, perché di là hanno di meglio da fare che stare appresso ai capricci nostri!

Ultima cosa da sottolineare quattro volte: ricordo che quel tipo di ready rubbed in particolare va fumato riumidificato se si è seccato, altrimenti diviene estremamente pesante, perde complessità aromatica e ne scade il gusto... insomma cambia radicalmente in peggio e richiede reumidificazione e successivo riarieggiamento.
Secca più facilmente un ready rubbed, soprattutto se mal conservato, piuttosto che una treccia o un plug da cui deriva.

Cordialità!
Pratica senza studio non farà mai il Mastro.
Studio senza pratica non farà mai il Dotto.
Re: S.G. Brown n.4
n° 208
NCH
11/1/2012
MEDIOLANUM
Visualizza il profilo di NCH Invia un messaggio privato a NCH
28-2-2015
9:07
ACCISE
http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2014/12/23/14G00201/sg
I rondellati e i rope e certi flake costano di più alla fonte, cioè il fabbricante li fa pagare di più.
Il Lakeland Dark, in commercio da noi, pur avendo una composizione simile al B4 se ne discosta non di poco nel gusto, perché il tipo di lavorazione influisce sul gusto finale del tabacco, non è semplicemente un rope sbriciolato, ma il ciclo di lavorazione è differente.
I tabacchi, anche se sottoposti ad un regime monopolistico per i prezzi e certe regole di distribuzione, sono importati e distribuiti da imprese commerciali che come tutte le imprese di questo mondo, si regolano in base alla domanda e allofferta, se importano un tabacco che si vende poco, smettono limportazione perché il gioco non vale la candela e siccome non vendono pane o carne mi sembra una scelta più che legittima.
I tabaccai, che guadagnano il 10% non hanno nessun interesse a tenere immobilizzati soldi per tenere in magazzino tabacchi che vendono una tantum per guadagnare 2 euro su una tin da 20.
Because something is happening here
But you don't know what it is
Do you, Mister Jones ?
Bob Dylan
Re: S.G. Brown n.4
n° 209
NCH
11/1/2012
MEDIOLANUM
Visualizza il profilo di NCH Invia un messaggio privato a NCH
28-2-2015
9:46
PS Quando era in distribuzione il B4 un negozio come Noli, con una location invidiabile in quanto a passaggio e tipo di clientela, arrivava a stento a un kilo al mese, quindi non c'è proprio da meravigliarsi se non lo importano più, tenendo anche conto che lavrebbero dovuto aumentare essendo aumentato il prezzo del produttore.
Because something is happening here
But you don't know what it is
Do you, Mister Jones ?
Bob Dylan
Re: S.G. Brown n.4
n° 210
extravecio
18/5/2008
Roma
Visualizza il profilo di extravecio Invia un messaggio privato a extravecio
28-2-2015
21:50
Allora, la risposta è giunta sollecitamente ed alla domanda:
Citazione:
Extravecio ha chiesto:
Dear Bob Gregory,
How are you?

I just would like to know:
.....is Lakeland Dark the ready rubbed form of Brown 4
or is it a different blend?

TY and please let me know!

...la Gawith risponde:
Citazione:
Bob Gregory ha detto:
Yes it is.

Kind regards
Bob

“May Your Smoke Continue To Rise”


Quindi, è Brown4 tagliato e sfilacciato!
I motivi della differenza di gusto, li ho già detti.
Pratica senza studio non farà mai il Mastro.
Studio senza pratica non farà mai il Dotto.
Re: S.G. Brown n.4
n° 211
extravecio
18/5/2008
Roma
Visualizza il profilo di extravecio Invia un messaggio privato a extravecio
28-2-2015
22:28
Visto che però per mio vizio innato vado sempre per logica, al punto da fare
letteralmente schifo a chiunque, mi pongo qualche domanda:
se è ready rubbed da una treccia, quindi si è lavorato sulla treccia per tagliarla e scioglierla,
perché costa di più alla fonte quella sana?
Dovrebbe essere il contrario.....

Ecco il motivo per cui ricordavo questioni fiscali in quella accalorata mail di Lubinski.
Oppure sono i tagli dei punti meno pregiati della treccia?
Eppure di Gregory mi fido e credo alle sue parole, e certe battute non le dovrei fare proprio.

Inoltre, la domanda che gli ho fatto era chiara: è la versione ready rubbed del brown4 oppure è un altro mix?
Se fosse stata una miscela con le basi del Brown4 lavorate diversamente, lo avrebbe specificato, perché appunto la mia domanda era cristallina.
E' un ready rubbed del Brown4?.....Ha detto sì.
Ed il ready rubbed nasce notoriamente o da un flake o da una rope.

E' inoltre la questione fiscale che debbo chiarire, anche se la materia mi fa semplicemente venire lorticaria.
Orientativamente, il tabacco in italia dovrebbe essere tassato al 70%, ma mi piacerebbe leggere conferme e dettagli tecnici da un fiscalista che si occupa della materia specifica!
Vorrei ritrovare quella famosa mail di Lubinski, così la rileggo e mi rinfresco la memoria, ma non la trovo più.

io sono ottimista e dico che è Brown4 di qualità.
Ad ogni modo, faccio schifo lo stesso
Pratica senza studio non farà mai il Mastro.
Studio senza pratica non farà mai il Dotto.
Re: S.G. Brown n.4
n° 212
Alessio248
4/1/2015
Visualizza il profilo di Alessio248 Invia un messaggio privato a Alessio248
1-3-2015
0:19
Citazione:

mi pongo qualche domanda:
se è ready rubbed da una treccia, quindi si è lavorato sulla treccia per tagliarla e scioglierla,
perché costa di più alla fonte quella sana?
Dovrebbe essere il contrario.....
quello che mi domandavo io.
Re: S.G. Brown n.4
n° 213
NCH
11/1/2012
MEDIOLANUM
Visualizza il profilo di NCH Invia un messaggio privato a NCH
1-3-2015
8:44
Citazione:

extravecio ha scritto:
Allora, la risposta è giunta sollecitamente ed alla domanda:
Citazione:
Extravecio ha chiesto:
Dear Bob Gregory,
How are you?

I just would like to know:
.....is Lakeland Dark the ready rubbed form of Brown 4
or is it a different blend?

TY and please let me know!

...la Gawith risponde:
Citazione:
Bob Gregory ha detto:
Yes it is.

Kind regards
Bob

“May Your Smoke Continue To Rise”


Quindi, è Brown4 tagliato e sfilacciato!
I motivi della differenza di gusto, li ho già detti.

Io ho limpressione che ci sia stato un fraintendimento nel senso che non è un blend differente, ma lo stesso tabacco lavorato in modo differente, anche perché ritengo improbabile che sfilacciando un rope possa risultare un taglio come quello del Lakeland, oltretutto con filamenti piuttosto lunghi, una risposta con maggiori dettagli avrebbe chiarito meglio, ma forse sono segreti di bottega sui quali non vogliono essere completamente espliciti.
Because something is happening here
But you don't know what it is
Do you, Mister Jones ?
Bob Dylan
Re: S.G. Brown n.4
n° 214
extravecio
18/5/2008
Roma
Visualizza il profilo di extravecio Invia un messaggio privato a extravecio
1-3-2015
12:08
@ NCH

Mah, non credo ci siano stati né fraintendimenti, né volontarie sue omissioni.
Anche perché, come giustamente ricordavi anche tu, il Brown4, essendo di extranicchia, non era proprio un campione di vendite.

Ripeto, io il lakeland ancora non lho visto; non lo compro ora perché ho già molta roba da esaurire prima, e se riparto con gli acquisti, addio!
Quando acquistavo il Brown4, ricordo però per certo una cosa, nelle occasioni in cui decidevo di sbregarlo tra i palmi: o perché in quei momenti preferivo fumarlo così o perché mi serviva da aggiungere in piccole miscele personali del passato.
Si sfilacciava eccome.....ed erano filamenti anche molto ma molto lunghi che poi dovevo spezzare, se volevo mescolarlo bene ad altro!
Pratica senza studio non farà mai il Mastro.
Studio senza pratica non farà mai il Dotto.
Re: S.G. Brown n.4
n° 215
Valnardi
14/1/2017
Visualizza il profilo di Valnardi Invia un messaggio privato a Valnardi
23-6-2017
10:02
Ieri a Roma in centro ho trovato un tabacchaio che aveva questo tabacco!
Sono stato fortunato?


Penso di aprirlo in autunno...
Re: S.G. Brown n.4
n° 216
Mikahil_Tal
1/4/2014
Roma
Visualizza il profilo di Mikahil_Tal Invia un messaggio privato a Mikahil_Tal
30-6-2017
20:04
Ciao Valnardi
posso chiederti dove lo hai trovato?

ENTRA-IN-CHAT

chi è in chat ora?

Manuali-per-i-novizi

Pronto Soccorso Novizi



Link per il Novizio

Tutti i dubbi del novizio
Scelta della prima pipa
Accessori per la pipa
Il tabacco per iniziare
Caricamento della pipa
Accensione della pipa
L'acquerugiola
Bruciori alla lingua
Manutenzione della pipa
Costruire la pipa
I fltri
Presentati nel forum!
Il regolamento di FLPConsulta la mappa del sito per orientarti meglio nei contenutiScrivici per i problemi tecnici
Questo sito, consapevole dei danni provocati dal fumo, non lo incoraggia, ma si confronta sulla cultura del lento fumo e il piacere collezionistico della pipa.
Per il suo contenuto, www.fumarelapipa.com si rivolge a soggetti adulti e responsabili.
L’accesso è vietato, pertanto, ai minori di 18 anni!

© Copyright 2017 www.fumarelapipa.com 2002 | 2017