Iscriviti su FLP! »

Gadget-FLP


Contattaci

Webmaster
 
admin
Moderatori
 
Tobaldo
 
Sw4n

Soci online

Dettaglio degli utenti online Iscritti: 1
Visitatori: 14
  • admin
  • il Forum di FLP

    Indice »  Pronto Soccorso
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 101
    rex1960
    1/3/2014
    Marche, Italy
    Visualizza il profilo di rex1960 Invia un messaggio privato a rex1960
    13-3-2015
    19:19
    Concordo !
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 102
    Savio
    9/3/2015
    Visualizza il profilo di Savio Invia un messaggio privato a Savio
    21-3-2015
    23:53
    Gentili amici di FLP, ho il seguente problema:
    Carico la pipa in tre fasi, pizzico di tabacco senza compressione, pizzico con lieve compressione e ultimo con compressione più marcata. Accendo la pipa e fumo . Arrivato allultimo terzo la pipa si spegne sempre.
    Dove sbaglio?
    Grazie vi saluto!
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 103
    Ronc
    1/3/2015
    Visualizza il profilo di Ronc Invia un messaggio privato a Ronc
    22-3-2015
    1:52
    Citando i grandi del forum, o il tabacco che usi è troppo umido (prova a lasciarlo respirare qualche ora) o scaldi troppo il tabacco in fumata. Se poi la pipa è curva, ci vuole davvero poco a fare acqueruggiola.
    O magari pressi troppo durante le fumata col pigino, prova a cambiare queste cose e vedi se migliora..
    Se poi a fine fumata ti resta un fondo umido caccia via e amen
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 104
    rex1960
    1/3/2014
    Marche, Italy
    Visualizza il profilo di rex1960 Invia un messaggio privato a rex1960
    22-3-2015
    13:24
    Ci può anche stare che si spenga una volta o due, che sarà mai ? Basta anche distrarsi un'attimo dalla fumata, niente di grave !
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 105
    Qwazarr
    29/3/2015
    Visualizza il profilo di Qwazarr Invia un messaggio privato a Qwazarr
    3-4-2015
    1:37
    Sotto consiglio del moderatore mi scuso per aver aperto un thread inutile e vi pongo le mie domande qui:

    Vi descrivo la mia prima fumata, in quanto ho molti dubbi sulla mia tecnica di fumata e praticamente anche su tutto il resto.

    La mia pipa è una Peterson wicklow 01, lo so la pipa curva per il neofita non va bene ma da bravo scrittore non ho saputo resistere al richiamo della pipa alla Sherlock Holmes.

    Per il caricamento la pipa mi era stata precedentemente caricata dal (gentilissimo) rivenditore, quindi suppongo nessun errore qui, laccensione è stata la parte più ostica in assoluto, in quanto credevo potessi utilizzare tranquillamente laccendino che uso per le sigarette e mi sono ustionato mezza mano, inoltre avevo limpressione che la fiamma si disperdesse nel fornello senza accendere completamente il tabacco, tiravo piano e ritmicamente (per quello che potevo), ma il fumo che ricavavo era poco (non so quanto fumo dovrei produrre normalmente, da una sigaretta ne esce sicuramente di più)e la pipa mi si è spenta 3 volte, ed avevo limpressione di stare fumando a pipa mezza spenta, nel complesso però ho fumato un 3/4 d'ora in maniera relativamente piacevole, la cosa più importante che ho notato è stato il gorgolio ad un certo punto, che però ho sfruttato per ritmare meglio i tiri (ho anche infilato uno scovolino nel cannello ma nada, il rumore persisteva). Mi sembra di aver mantenuto una temperatura accettabile, la pipa era leggermente tiepida, mai calda (se la appoggiavo alla guancia avvertivo leggermente il calore, ma poco), ho dovuto smettere di fumare più o meno a 3/4 scarsi di tabacco perché non si riaccendeva. Per pulirla ho infilato uno scovolino nel bocchino e lho passato varie volte (ho notato che grattava leggermente nel lato interno del bocchino, è male?) e poi lho piegato a metà ed ho pulito il fornello dopo averlo svuotato con il cucchiaino del curapipe.

    Ringrazio chiunque abbia la pazienza di leggere questo sproloquio e darmi consigli.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 106
    billybudd
    25/6/2012
    Visualizza il profilo di billybudd Invia un messaggio privato a billybudd
    4-4-2015
    21:37
    Buona sera a tutti,
    @ Qwazarr, come prima fumata mi sembra riuscita.
    Hai posto attenzione alle varie fasi ed hai incontrato le tue belle difficoltà. Hai anche avuto momenti di gusto.
    Ora puoi provare a farti la seconda fumata. E vedrai quanto sarà simile alla prima, ma ti condurrà al traguardo della terza.
    Tutte e tre fumate importantissime perche ti consentono di farti la quarta e di seguito la quinta. Super.
    Avrai una piccolissima esperienza e inizierai ad effettuare le prime impercettibili modifiche.
    Se tutto questo ti darà soddisfazione e lo farai con passione potrai continuare e magari arrivare alla decima.
    In queste dieci fumate non toccherai vette di soddisfazione molto elevate, ma la gestualità inizierà ad avere un senso.
    Mi raccomando tratta bene la tua pipa, puliscila con cura e lasciala sempre pronta per un nuovo momento di fumo lento.
    E leggi gli argomenti presenti sul forum, tutti molto interessanti.
    Fumare la pipa potrà anche non essere nelle tue corde come succede a molti, ma se poco poco inizi a divertirti senza preoccuparti troppo dei piccoli insuccessi ed entusiasmandoti per la bellezza dei momenti e per il gusto delle fumate più riuscite, fumare la pipa ti potrà insegnare molto...
    Buone fumate
    Billybudd
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 107
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    12-6-2015
    1:09
    Ho problemi a metà della fumata, la pipa mi si spegne, io vado di pigino, la riaccendo (ovviamente c'è un po' di cenere sopra) e sa di amaro! Inoltre con diverse pipe che uso il fornello si surriscalda facilmente...
    Non so più come fare divento scema...
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 108
    Herounsignore
    30/5/2015
    Roma
    Visualizza il profilo di Herounsignore Invia un messaggio privato a Herounsignore
    12-6-2015
    10:29
    sarebbe utile sapere qualcosa in piu di te, tipo da quanto tempo fumi la pipa. perche non scrivi una tua presentazione nel thread apposito? lo trovi nella colonna qui a destra dopo link utili dove cè scritto sei nuovo presentati.
    ciao.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 109
    StefanoGer
    28/2/2012
    Visualizza il profilo di StefanoGer Invia un messaggio privato a StefanoGer
    12-6-2015
    11:13
    Perdonami ma, sarebbe utile dicessi :
    1. che tabacco stai fumando, in che pipa...ovvero se grande media o piccola, che forma ?

    2. Se carichi lasco è facile che la pipa molto presto si spenga.
    Facciamo un riassuntino :
    a) caricare ne lasco ne troppo pressato, accendi la pipa e crei una brace superficiale, in questa fase osserva il tabacco che mentre dai le prime aspirate si deve alzare ed espandere, osserva la cosa,... dai qualche aspirazione piena lenta e lunga poi, prendi il pigino e livella la brace pian piano con delicati tocchi, riporta in questo modo a livello il tabacco che si è alzato e gonfiato, puoi decidere se comprimerlo molto o solo riportarlo a livello di pieno contatto con il sottostante, nel primo caso avrai una fumata più piena e di gusto più deciso di tabacco, nel secondo caso fumata meno piena e più leggera e meno piena di gusto tabacco, in genere dopo questa fase di accensione e uso del pigino la pipa si spegne, ma non è detto sia sempre così, in tal caso è normale riaccendere, questa è da considerarsi forse la vera accensione della pipa in quanto consente la duratura fumata del tabacco. Se verso metà pipa, ed è il caso tuo, essa si spegne, potrebbe essere dovuto al fatto che durante la fumata nellapprossimarsi di metà carica non si è usato o, non si è ben usato, il pigino ...è bene usarlo sempre di tanto in tanto per verificare la combustione e per livellare e tenere accesa la pipa, qui bastano solo lievi tocchi durante laspirazione per far partire la pipa a ritmo pieno,
    se si pigia senza aspirare si rischia di spegnerla quindi è meglio pigiare mentre si tira e lievi tocchi...a metà del fornello basta ciò per far ripartire bene la fumata.
    Se non capita, è probabile che : si sia alzato troppo tabacco abbiamo troppo ritardato luso del pigino per tenere accesa la pipa riportando il tabacco a contatto, oppure in alternativa si è usato troppo pigino comprimendo troppo il tabacco causando poca aspirazione e spegnendo il tabacco...

    3. Per quanto riguarda lumidità in fumata :
    è causata da molti fattori, tipo di pipa, forma, spessore radica, dimensioni pipa, calore in fumata della combustione, tipo di tabacco usato, modo di fumare ....

    4. Per quanto riguarda il gusto cattivo, amaro, in fumata dopo una riaccensione :
    Spesso la cosa dipende da più fattori, per lo più dipende a mio avviso dal fatto che, si è generato troppa umidità e condensato che, nella riaccensione porta in bocca il gusto orrido che è ben non fumare poiché a parte il gusto disgustoso è anche insalubre.
    A questo punto, bisognerebbe sapere come fumi e cosa fumi, ecc...
    Concludo dicendo che taluni tabacchi e, pipe facilitano se non si è bravissimiii il generare di tale cattivo gusto.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 110
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    13-6-2015
    0:03
    Citazione:

    StefanoGer ha scritto:
    Perdonami ma, sarebbe utile dicessi :
    1. che tabacco stai fumando, in che pipa...ovvero se grande media o piccola, che forma ?


    Dunque, io fumo da pochi mesi e ho diverse pipe ma piu che altro diversi tabacchi...
    1)una churchwarden AUEN GILG (dello Hobbit) che è quella che mi sta dando piu problemi... sto rodandola con il tabacco thomas radford sunday's fantasy (l ho comperata da pochi giorni), e questa è la pipa che al momento mi dà più problemi di tutte.
    2) La mia prima pipa, non conosco la sua forma ed è senza marca, che non fumo più perchè mi stava facendo diventare isterica. non tirava bene, dava sempre una sensazione di ostruito, insomma c'era qualcosa (parecchie cose) che non andavano. l ho lasciata. Ci ho fumato tabacchi come Kentucky Bird; Skandinavik Vanilla; Capstan Blue (flake) Navy flake della mac baren.
    3) una bella Lubinsky (credo serie 2), una apple in radica di olivo che ho destinato alle misture inglesi o cmq a tabacchi forti... ci ho fumato ERINMORE Balkan Mixture (molto poco perchè mi faceva schifino), moltissimo ERINMORE Latakia Supreme, un tabacco sublime... questa non mi dà particolari problemi, è quella che fuma meglio di tutte; a volte si surriscalda il fornello e c'è il problema del pigino e della cenere, cioè dello spegnimento a metà fumata, riaccendo e risulta disgustoso. Con questa pipa UNA VOLTA, col Latakia, sono arrivata miracolosamente a FINE FUMATA! Adesso sto ripulendola dal suo sapore con un tabacco che si chiama Early Morning Pipe e ci sto fumando solo quello.
    3) Una piccola pipa chiamata London Frabenwer 107, dal fornello abbastanza piccolo (ah, le mie pipe sono tutte bent, col cannello non dritto): con questa sto fumando lo Skandinavik Vanilla perchè la sto rodando. Questa fuma molto bene ma il fornello si surriscalda molto facilmente... e anche questa è soggetta a spegnimenti a metà.
    Queste sono le pipe che ho. per lo meno hanno smesso tutte di gorgogliare tranne la churchwarden... un passo avanti, no?
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 111
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    13-6-2015
    0:04
    @Herounsignore: grazie, vado subito a presentarmi.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 112
    Tobaldo
    26/3/2004
    Roma
    Visualizza il profilo di Tobaldo Invia un messaggio privato a Tobaldo
    13-6-2015
    16:32
    @Maria
    Ho letto altrove che alcuni dei problemi si stanno risolvendo: bene! Ti segnalo comunque un fattore che, influendo in tutta la fumata, potrebbe essere una causa dei tuoi guai. Parlo del come caricare la pipa. Posto che il fine è quello di avere il tabacco regolarmente disposto allinterno del fornello, e proporzionalmente compresso, ti segnalo un video fatto da Mauro Cosmo (pluricampione di lento fumo) che spiega come caricare una pipa per una gara. Ora il fine che ci si propone è un po' diverso, se ci capita di riaccendere non succede nulla, ma la tecnica che descrive è sicuramente molto efficace, e visionare il video potrebbe aiutarti a correggere degli errori, caso mai ce ne fossero.

    Il link

    Una nota a margine:
    Per i flakes la faccenda cambia un po', ma la tecnica descritta è comunque utilizzabile. Non proseguo per non andare OT (ci sono delle discussioni al riguardo) e per non iniziare guerre di religione tra sbriciolisti, origamisti, katafottenti, scubettatori e chissà quanti altri

    Buone fumate

    Tob
    Ne ho cotal donde di siffatte ciuffole

    "Nitriscimi!!!"

    "Lui o l'orsetto?"
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 113
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    13-6-2015
    19:11
    Grazie per il video, credo che mi sarà molto utile, io finora ho seguito la tecnica 3step (bambino-donna-uomo) credo con non molto successo perchè mi inceppavo sempre e non risultavo uniforme nel caricamento, ma un metodo per me nuovo che ho visto, di un industriale inglese che ha un grande negozio di pipe e tabacchi, il cui link è stato postato da un socio, ho seguito anche quello (diceva di mettere il tabacco nel palmo della mano, schiacciarci la pipa rovesciata sopra ruotandola, cosicchè si caricasse, e il resto metterlo a mano) mi è risultato molto utile e cronometrando le mie fumate per il rodaggio della mia churchwarden oggi sono arrivata a 45 minuti di fumata con sole 2 riaccensioni. Certo non una gran cosa ma sempre un piccolo passo avanti, che ne dici?
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 114
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    13-6-2015
    19:23
    Ho dimenticato una cosa: alla seconda riaccensione ho sentito di nuovo in bocca quello strano, schifoso sapore acuto di cenere, e ho pensato che nel cannello o non so dove altro fosse entrata dellumidità. così ho detto: che peccato! ho preso il nettapipe, ho scaricato tutto il fornello, e come immaginavo le foglie che ho trovato sul fondo non erano arse minimamente. mi è successo molte altre volte. Nel ringraziarti per il tuo video di suggerimento, mi ritiro tenebrosamente a bestemmiare...
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 115
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    14-6-2015
    23:50
    Ciao Tobaldo, ho guardato il video di Cosmo e non metto in dubbio la bontà di quello che dice proverò sicuramente il suo sistema di carica.
    Io uso il vecchio metodo delle tre mani senza trattare prima il tabacco e viaggio sulla media delloretta forse un po' di più e mi reputo soddisfatto. Mi sorge però un dubbio, io ho sempre pensato che più era trinciato fine più bruciava meno durava. Cosmo addirittura lo sbriciola apposta.
    sai darmi una spiegazione?

    P.S. Sai indicarmi un video sulla tecnica sulla tecnica di fumata, oltre a quelle viste di carica e accensione? Grazie
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 116
    Tobaldo
    26/3/2004
    Roma
    Visualizza il profilo di Tobaldo Invia un messaggio privato a Tobaldo
    15-6-2015
    1:22
    Ciao Vinicio, provo a risponderti, o meglio a spiegare perchè ho linkato quel video.
    Il metodo dei tre pizzichi (o mani o come vogliamo chiamarlo) è sicuramente quello più classico, nessun dubbio sulla sua efficacia, ma secondo me chi inizia rischia tra un pizzico e laltro di creare delle disomogeneità nel tabacco che poi non sa gestire con il pigino. Io sono partito dal problema esposto e cioè a 3/4 mi si spegne, e ho ipotzzato che dipendesse dal caricamento. Ho pensato che il metodo del video risolvesse la questione.

    L'altra parte della tua domanda riguarda le gare di lento fumo ed i metodi di caricamento e gestione della fumata, ma io non facendo gare non so risponderti con precisione. Penso che al bivio tra sfruttare il tabacco poco sbriciolato per farlo durare di più ma rischiando di spegnere, la pratica di gara abbia scelto di rendere il tabacco il più fumabile possibile, affidandosi alla abilità di gestirlo per condurre la fumata.

    Ultima cosa, lavevo accennato parlando dei flakes, lo completo un po' qui: escludendo gare e simili, credo fermamente che ognuno abbia il suo metodo di caricare e di gestire la fumata, e che se lo sia sviluppato con lesperienza. Aggiungo che -stante quanto ho detto- allora tutte le disquisizioni che ho fatto prima rientrerebbero a pieno titolo nella categoria pippe mentali, ma..... c'è un ma grosso come una casa: sarebbe così solo se ci sei già passato, quando affronti le cose per la prima volta invece, potrebbe essere utile farsi una idea d'assieme, per poi andare avanti con le proprie gambe.

    Ho scritto troppo e male, spero di essermi fatto capire, è anche luna e venti di notte

    Tob
    Ne ho cotal donde di siffatte ciuffole

    "Nitriscimi!!!"

    "Lui o l'orsetto?"
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 117
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    15-6-2015
    17:33
    Grazie Tobaldo qundi è una questione di priorità più durata ma rischio di spegnimento, meno durata, gestibile in fumata, e molte meno possibilità di spegnimanto. Grazie ancora sei stato chiarissimo.

    Chiedevo anche se conosci video di fumata di campioni di fumo lento, vorrei diventare campione del mondo
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 118
    admin
    28/3/2005
    Cattolica - Romagna - Italia
    Visualizza il profilo di admin Invia un messaggio privato a admin
    15-6-2015
    21:17
    riesci sempre a fare facile le cose difficili. basterebbe capire quello che fai per apprezzarti."
    - simi66 -
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 119
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    16-6-2015
    0:57
    Grazie Admin li ho visti tutti.
    Che dici diventerò canpione del mondo?
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 120
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    16-6-2015
    14:26
    E sempre lo stesso problema. SEMPRE lo stesso problema! Ora prendo le pipe, le butto dalla finestra e chi le piglia nel capo le tiene! Ho bestemmiato tanto sempre per le stesse cose.
    1) La carica. E' inutile guardare video, kzz, leggere suggerimenti, madonne, cristi, NON LA SO FARE, la 3 step NON LA SO FARE, e chissà quando la imparerò.
    2) Il problema a metà fornello. SI FA PRESTO a dire se ti si spegne la pipa a metà, riaccendila! Sì, io la riaccendo e sa di cenere, E MI ROVINA LA FUMATA! (bestemmie varie di sottofondo)
    3) I fornelli che si surriscaldano. Ci vuole un'attenzione continua. E qui c'è solo da bestemmiare.
    4) Lo spreco di tabacco. Le foglie incombuste che levo dal fornello per via della fumata andata male MI FANNO RABBIA! E BESTEMMIO! Ora perdo la pazienza, veramente... in questi giorni non sono migliorata di niente!

    Vi prego aiutatemi voi perchè se no perdo la pazienza e butto tutto dalla finestra!
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 121
    admin
    28/3/2005
    Cattolica - Romagna - Italia
    Visualizza il profilo di admin Invia un messaggio privato a admin
    16-6-2015
    14:59
    Di dove sei, Maria?


    @VINICIO
    hai di sicuro più speranze con la pipa che con lortografia
    riesci sempre a fare facile le cose difficili. basterebbe capire quello che fai per apprezzarti."
    - simi66 -
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 122
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    16-6-2015
    15:38
    Sono toscana admin
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 123
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    16-6-2015
    15:47
    Admin allora ci provo.
    in ortografia no, mi spiace credevo di essere migliorato. vi chido per favore, se potete, di correggermi non mi offendo, anzi...
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 124
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    16-6-2015
    16:08
    Admin scusami mi puoi consigliare un correttore automatico da poter usare su FLP? Uso windos vista e firefox
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 125
    admin
    28/3/2005
    Cattolica - Romagna - Italia
    Visualizza il profilo di admin Invia un messaggio privato a admin
    16-6-2015
    16:19
    Citazione:

    Maria ha scritto:
    Sono toscana admin

    allora potresti contattare Danfus di Siena...
    magari vi trovate e ti insegna come fumare la pipa
    riesci sempre a fare facile le cose difficili. basterebbe capire quello che fai per apprezzarti."
    - simi66 -
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 126
    elena
    13/8/2008
    provincia di Bergamo
    Visualizza il profilo di elena Invia un messaggio privato a elena
    16-6-2015
    17:39
    Vinicio,
    ortografia a posto o meno, è sempre bello leggerti! A volte è una sfida di decriptazione ma i tuoi commenti hanno una freschezza e una spontaneità impareggiabili.


    Maria,
    non demordere!
    Fumo la pipa da meno di 10 anni (gulp, mi pare ieri) e mi sento una novellina come quando iniziai. Ma questo posso dirti: è solo questione di pazienza e di accumulare esperienza.
    Allinizio anch'io, come credo tutti!, mi incaponivo per gli spegnimenti e non capivo dove sbagliassi. Ho iniziato a curare di più la carica, senza premere troppo, poi le pigiate, sempre lievi, poi le tirate, leggerissime e a fil di fumo.
    E infine ho appreso dallesperienza che il modo migliore per far filare tutto liscio è essere in un momento di rilassatezza mentale: perché per quanta cura si possa mettere nella carica e nellaccensione, se dentro c'è qualche pensiero rognoso che si aggroviglia ai neuroni è quasi certo che la fumata non sarà appagante.

    Le mie prime fumate lasciavano residui di tabacco umido che dovevo buttare, con mio grande sconforto. Poi, senza accorgermi, un bel giorno ho iniziato a fumare le cariche fino allultima briciola (e capitava più spesso con tabacchi come Italia, Schippers tabaak, Comune..). Ho imparato senza pensarci, in un certo senso.
    Ancora oggi mi capita di non finire alcune cariche. Non so perché, a volte fila liscio a volte no. Va bene così.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 127
    Tobaldo
    26/3/2004
    Roma
    Visualizza il profilo di Tobaldo Invia un messaggio privato a Tobaldo
    16-6-2015
    18:39
    Maria:
    Posto che secondo me i problemi in fumata sono frutto di una somma di fattori (non chiamiamoli errori), uno di questi potrebbe essere il tipo di tabacco. Mi spiego: i tabacchi aromatizzati hanno il brutto vizio di cambiare drasticamente e in peggio se fumati con poca accortezza, e va da sè che la poca accortezza non è una colpa, ma solo una conseguenza dell'inesperienza. Per questo motivo si consiglia di iniziare con un regular (amphora Original Blend o similari). Prova così: prendi un tabacco non particolarmente aromatizzato, se lo hai, lascialo asciugare una mezz'ora prima di caricare, e fai una mezza carica. Vedi che succede e facci sapere.

    elena
    Parole sante.

    Tob
    Ne ho cotal donde di siffatte ciuffole

    "Nitriscimi!!!"

    "Lui o l'orsetto?"
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 128
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    16-6-2015
    19:10
    Grazie Elena spero adesso vada meglio con lortografia, ho scaricato un correttore automatico e sembra funzionare
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 129
    luj_1999
    20/10/2011
    Cremona - Italia
    Visualizza il profilo di luj_1999 Invia un messaggio privato a luj_1999
    16-6-2015
    19:13
    Se la causa del cattivo sapore da metà fumata in poi non è il caricamento, una delle ipotesi più probabili è leccessiva formazione di umidità o condensa. Questo può dipendere da boccate troppo frequenti e profonde il che ha, come ulteriore effetto, leccessivo riscaldamento del fornello. Se il fumo che ti arriva in bocca è molto caldo o il fornello scotta, allora aumenta lintervallo tra una boccata e laltra e tira più delicatamente. Ma il cattivo sapore può dipendere anche dalla presenza di saliva che, dal bocchino, scende giù fino al cannello. Anche questo è un elemento che può contribuire, insieme agli altri, a trasformare lultimo terzo di tabacco in una poltiglia umida e dal sapore poco gradevole. Prova, quindi, come possibile rimedio, di tanto in tanto, a passare uno scovolino durante la fumata o a tenere la pipa in mano piuttosto che tra i denti.
    Insisti e non mollare
    Sono un clown e faccio collezione di attimi (Heinrich Boll)
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 130
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    16-6-2015
    20:36
    Grazie a tutti, per ora farò sicuramente come dite
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 131
    slice
    24/5/2012
    napoli
    Visualizza il profilo di slice Invia un messaggio privato a slice
    16-6-2015
    23:21
    @Maria
    Carissima, scuserai questa confidenza, ma è sempre con piacere che un vecchio antipatico come me cerca di dare una mano ai novizi incazzati, e un po’ per l’età, un po’ per i 40 anni di pipa, lo potrei fare con aria alquanto paternalistica, e forse un po’ noiosa. Mi scuserai anche di questo, spero. Veniamo ai 4 punti.
    1) – La carica. Carica COME TI PARE. Basta che la prima parte, circa i 2/3, sia solo appoggiata, 1/3 leggermente pressata. Che poi la infili nel fornello a pizzichi, a ditate, a cucchiaiate, ballando il tango, non importa. Se metti vicino 10 esperti fumatori di pipa, li vedrai caricare ognuno a modo suo.
    2) – Riaccensione. Non è immaginabile pensare che ogni fumata, in ogni condizione, possa essere sempre condotta in maniera perfetta, senza alcuna riaccensione. Pensa camminando per strada pipa fra i denti, oppure durante un’ accesa discussione. Dopo la riaccensione, parlo di una pipa appena spenta, quindi calda, alcune boccate possono essere sgradevoli, ma appena la temperatura della carica si riassesta, un po’ alla volta si fuma benissimo. Si toglie un po’ di cenere, si appiana il contenuto col pigino senza pressare, si riaccende. Tutti, anche i campioni, quando non sono in gara, riaccendono. A meno di non barricarsi in casa chiudendo tutto, con gli occhi strabici puntati sul fornello, e l’aria da Silvan in allenamento.
    3) – Fornello che scalda. In genere è la paura di spegnere, o un attimo di piacevolezza che golosamente si crede di rendere più intenso tirando forte. Niente di più sbagliato. Boccate piccole e molto intervallate. Il segreto è tutto là. Devi trovare il tuo ritmo, e anche quello del tabacco che stai fumando. Per questo credo sia meglio non cambiare tanti tabacchi, ma conoscerne due o tre molto bene. Non esiste una frequenza definita, né un metronomo della pipa, ogni fumatore ha il suo ritmo. Col tempo, impari ad adattarlo alla pipa, al taglio e alla umidità del tabacco.
    4) – Spreco di tabacco. Solo la parola spreco mi dà i brividi. Eppure osserva un fumatore di sigaretta. Quasi mai le getterà via raggiungendo il filtro. Oppure, ancor meglio, un fumatore di sigari. Si rinuncia all’ultima parte, stracarica di nicotina e amara. E’ abbastanza normale rinunciare all’ultima parte della fumata, magari perché troppo umida, o troppo compressa, o perché riaccensioni troppo intense possono irritare bocca, lingua e bruciare fondell'i di pipa. Si arriva in fondo spesso, ma non sempre. Buttare via 1/2 grammo di tabacco ogni tanto, per di più dal sapore orrendo, o dover svuotare una mezza pipa quando si è caricata male, non mi sembra proprio un gran dramma.
    Per concludere, spesso quando ci si incazza è segno di caparbietà, ed è buon segno. Ma io preferisco una parola diversa: sdrammatizza. Fuma tranquilla, la pipa è sinonimo di serenità, un po’ alla volta a fumarla bene ci si arriva tutti. Non ci sono liturgie, riti sacri o leggi inviolabili. C’è tanta gente che fuma come se servisse messa, ma credimi, c’è tanta gente, come il sottoscritto, che fuma quasi sempre a pene di segugio. Ficco la pipa nella busta e la carico senza guardare, una bella pigiata e fuoco alle polveri; di tutte le regole codificate me ne strafotto, e mi faccio delle grandi fumate. E’ solo il tempo che ti porta a questo. Devi avere un po’ di pazienza. Qualche mese. Ma ti vedo combattiva, e questo mi fa ben sperare. Con affetto.
    Salute e serenità.
    ...e tutta Combray e i suoi dintorni, tutto quello che vien prendendo forma e solidità, è sorto, città e giardini, dalla mia tazza di tè. (M. Proust)
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 132
    Sinan
    25/12/2008
    Genova
    Visualizza il profilo di Sinan Invia un messaggio privato a Sinan
    16-6-2015
    23:50
    @Maria

    Premesso che condivido in toto quanto suggerito dai confratelli (& consorelle), continuo ad avere qualche perplessità sulle pipe che utilizzi.
    Sappiamo della church (grande appeal ma richiede un minimo di skill), ma sei sicura che le altre ti siano amiche?
    Mi spiego, forature sottodimensionate o disassate, radiche scadenti etc. possono creare enormi seccature, esattamente come un paio di scarpe strette.
    Molto dipende dallo shape, dalla curvatura, dalla qualità del materiale e non da ultimo, dal brand.
    Sicura di maneggiare le pipe giuste?
    ........ma 'nsci libbri de stöia
    Sinán Capudán Pasciá.....- F. De Andrè


    Non conosco nessuna lingua, ma adoro assimilare da tutte e baloccarmi con un linguaggio composito.

    http://www.youtube.com/watch?v=dGyAEGbTZGo
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 133
    Tonibaruch
    29/10/2011
    Milano
    Visualizza il profilo di Tonibaruch Invia un messaggio privato a Tonibaruch
    17-6-2015
    7:44
    @Maria

    Anch'io la vedo come Sinan. In più anche i tabacchi mi creano qualche perplessità (ma se piacciono a te, vale la pena di soffrire con quelli). Ti ci vorrebbe almeno una buona pipa in radica, ben fatta. E soprattutto pazienza. Anche con la migliore attrezzatura del mondo le cose cominciano a funzionare dopo un bel po' di tempo, generalmente.
    Il mio blog di pipe:
    http://13pipe.blogspot.com
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 134
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    17-6-2015
    16:33
    Grazie Slice mi risollevi molto seguirò i tuoi consigli
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 135
    slice
    24/5/2012
    napoli
    Visualizza il profilo di slice Invia un messaggio privato a slice
    18-6-2015
    1:47
    @Maria
    Scioccamente, non avevo letto con attenzione il tuo post in cui descrivi le tue pipe. E concordo pienamente con Sinan e Tonibaruch.
    Dice Tonibaruch:
    Citazione:
    Ti ci vorrebbe almeno una buona pipa in radica, ben fatta

    Parole sante. Ma di radica arborea, naturalmente.
    ...e tutta Combray e i suoi dintorni, tutto quello che vien prendendo forma e solidità, è sorto, città e giardini, dalla mia tazza di tè. (M. Proust)
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 136
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    18-6-2015
    19:46
    Perchè, le mie che hanno che non va? Non posso mica spendere 1000 euro per una pipa eh, non siamo esagerati ora.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 137
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    18-6-2015
    19:57
    Qui si son tutti messi in testa che io abbia delle pipe di merda, sono molto incazzata, non bisogna essere così fanatici!
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 138
    Tobaldo
    26/3/2004
    Roma
    Visualizza il profilo di Tobaldo Invia un messaggio privato a Tobaldo
    18-6-2015
    22:23
    A me non era sembrato che il significato fosse quello....
    Ne ho cotal donde di siffatte ciuffole

    "Nitriscimi!!!"

    "Lui o l'orsetto?"
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 139
    Herounsignore
    30/5/2015
    Roma
    Visualizza il profilo di Herounsignore Invia un messaggio privato a Herounsignore
    18-6-2015
    22:28
    puzza di troll
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 140
    Sinan
    25/12/2008
    Genova
    Visualizza il profilo di Sinan Invia un messaggio privato a Sinan
    18-6-2015
    23:35
    @Maria carissima,
    il fanatismo non abita qui. Quanto alle pipe di merda, nessuno ha mai insinuato una cosa simile, ma visto che siamo tutti adoratori di qullentità pagana che è la pipa, sappiamo riconoscere, quando ci vengono descritte le pipe da tabaccheria. Ossia manufatti ultrabasic, prodotti chissà dove e come, più utili per smettere che per imparare.
    Come molti qui, privo della minima nozione, approcciai la pipa nel giurassico, complice un colpo di fulmine per una semicurva (pure grezza) di un brand che non cito ma presente tra i tuoi, in occasione della Pasqua 1982.
    Budget investito: lire 5000, più o meno un biglietto del cinema di allora.
    Step two, il tabacco. Un tabaccaio che, come scoprii in seguito, non ci capiva una mazza mi appioppo' un cavendaccio ora esitinto (e un po' mi dispiace).
    L'accoppiata pipa di mer.......ehm, scadente + tabacco altamente chimico/zuccherino rese il semestre successivo piuttosto traumatico.
    A come accensione.
    Avrei imparato a caricare decentemente mesi dopo grazie ad un amico di bocciofila di mio nonno (una Rossi tutta la vita), ma per questioni di spazio tralascerò. Allinizio, riempito il fornello di quel tabacco umido al punto di sporcare le dita, consumavo quasi mezzo bic a fiamma altissima.
    Ovalizzai il fornello prima di imparare, si fa per dire, ad accendere. Il tabacco più o meno prendeva ma risultava piuttosto riottoso. Il consiglio risolutivo arrivò dal perito di turno, ossia uno di quegli incompetenti che spinti da una forza misteriosa non si fanno mai i cazzi loro. La rivelazione fu:
    E belin usa lo Zippo. Ovviamente a mefitica benzina Ronson, lattina gialla.
    E vai di zippate....il bordo fornello in breve diventò una zuppiera, ma belin se accendeva.
    D'accordo, il tabacco prendeva un aroma come dire....da carburatore truccato. Pazienza.
    L'alito da Apecar? Eddai mica da tutti fumare la pipa.
    Cominciava a funzionare, o almeno così credevo. Strano però che tale arte richiedesse il fiato di un suonatore di launeddas contromano. Altro che roba da vecchi, io a 16-17 anni ero spompato, tenere la pipa accesa era proprio una faticaccia.
    Bah, forse la pipa si fuma così, prima o poi avrei imparato.
    Sarebbero trascorse molte lune prima che capissi che le apnee erano causate (a parte il caricamento a blocco di cemento) da quello strano ricciolo di metallo piantato nel tenone.
    Ma in fondo se ce lhanno messo a qualcosa servirà.
    Quasi incenerita la pipa, coibentati lingua e palato, sprecando il fiato di un maratoneta arrivavo, quando mi diceva bene, a metà fornello.
    Gargarismi minacciosi. Uno, due, tre....occhio che arriva....puntualmente guizzava su per il cannello quel liquido disgustoso, astuto al punto di fregarmi immancabilmente. Le zippate servivano solo ad irritare quella poltiglia di tabacco in brodo, fine dei giochi.
    Mah! Forse la pipa si fuma così, ok fa un po' schifo ma basta farci la mano.
    Non ti dico la frustrazione quando ìincompetente di cui sopra sentenziò che il tabacco va fumato fino allultimo filo.
    Cazzo....io butto via mezza carica (come minimo), non ci riesco, mi sa che il problema sono io.
    No! E' il tabacco. Sentenziò il sopracitato tabaccaio.
    Tranquillo, prova questo:.....CLAN!!!........
    Riassumendo: pipa di merda, Zippo al napalm e il tabacco più incendiario del pianeta.
    Ma bruciava bene, eccome se bruciava.
    Bruciava anche la pipa, le papille gustative e lossigeno dellambiente peggio dello white mercury.
    Ma ora si che so fumare la pipa. Forse.
    La solita acqua, magari un po' di meno, la solita lingua di eternit, magari un po' di più, ma ora il problema era diverso. Non più gargarismi, bensì strani crepitii verso il fondo del fornello.
    Ma chi se ne frega, praticamente arrivo in fondo...però la pipa, in qualche punto è chiazzata, sembra più sottile....mah.
    Tranquillo, prova questo. Il solito tabaccaio satanista..........Neptune!...........
    Rischiai di finire in analisi.
    Fortunatamente, la fragile e scadente radica della malcapitata decise di creparsi di brutto, e fu la svolta. Lascio perdere o riprovo?
    La seconda che hai detto....per citare un certo profeta. Con il budget per un LP andai in un negozio specializzato, ahimè chiuso qualche anno fa.
    Il titolare, che ne capiva, mi propose una Ropp sabbiata. Dritta dritta, un po' sfigatella, quasi una second. Non mi faceva impazzire ma avevo poche alternative.
    Scoprii subito che quella Roppina era una pipa vera, di bassa fascia, ma fatta a norma. In poco tempo mi introdusse in quel mondo da cui la semicurva (pipa eroica, ma di merda) mi stava facendo fuggire.
    L'incontro con il vituperato (allora) Comune, ad opera del bocciatore di cui sopra, fece il resto.
    Pipa ben fatta + tabacco semplice fu la formula vincente. In poche settimane passai al Balkan Sobranie e il viaggio continua in costante evoluzione.
    Cara consorella, questo pippone per dirti che non servono pipe da 1000 eu per partire con il piede giusto, bensì uno strumento affidabile e fatto a dovere, come le pipe targate Varese ad esempio.
    Così di getto potrei dire Santambrogio, ma la rosa è ampia.
    Posso sbagliarmi, ma ho limpressione che tu non sappia di cosa parlo. Se è così, prima di darci dei fanatici rompicoglioni impara lABC delle pipe, basta cercare e trovi tutto qui.
    Mi permetto un ultimo consiglio non richiesto e me ne impippo di come la prenderai: resetta e riparti con una busta di regular ed una biliard decente.
    Con simpatia
    ........ma 'nsci libbri de stöia
    Sinán Capudán Pasciá.....- F. De Andrè


    Non conosco nessuna lingua, ma adoro assimilare da tutte e baloccarmi con un linguaggio composito.

    http://www.youtube.com/watch?v=dGyAEGbTZGo
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 141
    hal
    29/3/2010
    Ferrara
    Visualizza il profilo di hal Invia un messaggio privato a hal
    19-6-2015
    0:24
    Citazione:

    Maria ha scritto:
    Qui si son tutti messi in testa che io abbia delle pipe di merda, sono molto incazzata, non bisogna essere così fanatici! [/quote

    Ma non è meglio che fai un bel respiro e ti rilassi.Hai chiesto consigli a raffica e ti hanno dato delle risposte,che evidentemente non ti vanno bene(vedi alcuni post indietro),poì dai dei fanatici a chi ti risponde e fuma da decenni...per caso ha ragione @Herounsignore,il dubbio sorge
    Fumatevi quello che vi piace in quella che vi piace.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 142
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    19-6-2015
    0:28
    L'Amphora Original Blend, che molti dicono sia indicato per cominciare (se proprio non c'è altro), mi sta bene, nulla in contrario... ma la pipa PROPRIO LA BILLIARD? proprio non le digerisco le billiard col cannello diritto, non ci sarebbe un'alternativa? E poi quanto si tratta di spenderci? Se non so una cifra non mi posso neanche regolare.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 143
    Sinan
    25/12/2008
    Genova
    Visualizza il profilo di Sinan Invia un messaggio privato a Sinan
    19-6-2015
    0:42

    Allinizio le biliard possono sembrare le meno attrattive, ma può capitare di adorarle col tempo.
    In tutti i casi, perchè la biliard?
    Perchè le dritte (tutte) sono molto più facili da fumare, inoltre la testa della biliard classica è la più bilanciata in fatto di profondità/diametro, e buona per tutti i tagli di tabacco.
    Quanto al prezzo, una rusticata (il finissaggio più economico) seriale -che non vuol dire smacchinata a kzz- di produzione italica si aggira sui 70 eu, mas o meno.
    Durano una vita e sono ottime come nave scuola. Se non hai un venditore specializzato nelle vicinanze puoi rivolgerti ai negozi on line di settore, meglio evitare la baia.
    Nel caso di acquisto live prima passa di qui, così ti diciamo come si riconosce una pipa ben fatta.
    ........ma 'nsci libbri de stöia
    Sinán Capudán Pasciá.....- F. De Andrè


    Non conosco nessuna lingua, ma adoro assimilare da tutte e baloccarmi con un linguaggio composito.

    http://www.youtube.com/watch?v=dGyAEGbTZGo
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 144
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    19-6-2015
    11:32
    Vabene farò così, magari ci metto la figurina... per il tabacco per cominciare chiedo di là nellaltro thread, và.
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 145
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    19-6-2015
    11:47
    L'unica Billiard un po piu interessante della Santambrogio che ho trovato è questa qui...



    File allegato:
    jpg  Santambrogio billiard rusticata ins galalite euro 70.jpg (63.45 KB - )
    z14700_5583e51526cc7.jpg 800 x 450 px
    800 x 450 px
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 146
    Sinan
    25/12/2008
    Genova
    Visualizza il profilo di Sinan Invia un messaggio privato a Sinan
    19-6-2015
    13:39
    Sei sulla strada giusta

    Segui i consigli, i video e tutto il materiale tutoriale di cui il forum abbonda.
    Niente ansie e tanta pazienza.
    Comincia caricando solo il primo terzo del fornello, giusto per formare la crosta del culotto (francesismo), poi comincia ad alzare il livello, semprechè il fornello non sia pretrattato, ossia annerito in partenza.
    Scovolino sempre a portata di mano e molta calma,
    non è detto che leghiate subito. Persevera (per giorni) e poi facci sapere.
    Visti gli svariati OT e i botta/risposta, direi che abbiamo maltrattato il regolamento oltre il ragionevole. Quindi d'ora in poi silenzio radio, prima di beccarci una sonora (e dovuta) cazziata.
    Buona fortuna
    ........ma 'nsci libbri de stöia
    Sinán Capudán Pasciá.....- F. De Andrè


    Non conosco nessuna lingua, ma adoro assimilare da tutte e baloccarmi con un linguaggio composito.

    http://www.youtube.com/watch?v=dGyAEGbTZGo
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 147
    admin
    28/3/2005
    Cattolica - Romagna - Italia
    Visualizza il profilo di admin Invia un messaggio privato a admin
    19-6-2015
    22:08
    vorrei eleggere lesclamazione E BELIN, USA LO ZIPPO come frase pipara dellanno
    riesci sempre a fare facile le cose difficili. basterebbe capire quello che fai per apprezzarti."
    - simi66 -
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 148
    vinicio
    17/6/2012
    Carugo (CO) ma Milanese di nascita e cuore
    Visualizza il profilo di vinicio Invia un messaggio privato a vinicio
    19-6-2015
    23:59
    Concordo Admin frase piparia dellanno.
    Troppo divertente.


    Maria pipa molto bella e perfetta per iniziare
    Forza rileggiti tutto quello che ti hanno suggerito con attenzione, poi dimenticalo siediti al tavolo carica accendi e fuma. lunica cosa importante nella pipa è la calma, non preoccuparti, io fumo la pipa da più di quarantanni e in un oretta di fumata una o due volte si spegne, chissenefrega riaccendo.
    Non devi sforzarti di essere calma se no ti innervosisci ancora di più devi essere calma e se qualcosa non va pace, ricomincia stai imparando,ogni fumata è un miglioramento
    Ciao
    Disapprovo quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare a dirlo ( Voltaire )
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 149
    Sinan
    25/12/2008
    Genova
    Visualizza il profilo di Sinan Invia un messaggio privato a Sinan
    20-6-2015
    13:10
    Frase piparia dellanno?
    Sono lusingato, ma se qualche beginner la prende sul serio declino ogni responsabilità.
    ........ma 'nsci libbri de stöia
    Sinán Capudán Pasciá.....- F. De Andrè


    Non conosco nessuna lingua, ma adoro assimilare da tutte e baloccarmi con un linguaggio composito.

    http://www.youtube.com/watch?v=dGyAEGbTZGo
    Re: Tecnica di fumata for dummies
    n° 150
    Maria
    10/6/2015
    Visualizza il profilo di Maria Invia un messaggio privato a Maria
    20-6-2015
    14:35
    Ci arrivano anche i principianti che quel tabaccaio che t'ha detto di usare lo zippo è un disgraziato. a gente simile dovrebbero far chiudere il negozio

    @Vinicio: grazie vinicio.

    ENTRA-IN-CHAT

    chi è in chat ora?

    Manuali-per-i-novizi

    Pronto Soccorso Novizi



    Link per il Novizio

    Tutti i dubbi del novizio
    Scelta della prima pipa
    Accessori per la pipa
    Il tabacco per iniziare
    Caricamento della pipa
    Accensione della pipa
    L'acquerugiola
    Bruciori alla lingua
    Manutenzione della pipa
    Costruire la pipa
    I fltri
    Presentati nel forum!
    Il regolamento di FLPConsulta la mappa del sito per orientarti meglio nei contenutiScrivici per i problemi tecnici
    Questo sito, consapevole dei danni provocati dal fumo, non lo incoraggia, ma si confronta sulla cultura del lento fumo e il piacere collezionistico della pipa.
    Per il suo contenuto, www.fumarelapipa.com si rivolge a soggetti adulti e responsabili.
    L’accesso è vietato, pertanto, ai minori di 18 anni!

    © Copyright 2017 www.fumarelapipa.com 2002 | 2017